I videoterminali e i nuovi strumenti portatili negli ambienti di lavoro – 2° edizione

17 Ottobre 2019
Milano

7,8 Crediti ECM

ISCRIVITI AL CORSO
Devi essere registrato ed effettuare il login per iscriverti al Corso

Locandina

Obiettivi

Il Corso ha l’obiettivo di aggiornare i discenti sui rischi e sui possibili interventi preventivi alla luce della introduzione delle moderne “attrezzature munite di videoterminali” e in ragione delle mutate condizioni organizzative nelle quali esse si utilizzano.

Programma formativo

  • Registrazione dei partecipanti.
  • Rischi vecchi e nuovi nell’uso dei videoterminali e dei nuovi sistemi portatili negli ambienti di lavoro.
  • I disturbi e gli effetti per la salute.
  • Prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici, oculo-visivi e stress lavoro-correlati.
  • Presentazione e discussione in aula di casi di studio.
  • Compilazione test.

Verifica di apprendimento ai fini dell’accreditamento ECM

Materiale didattico

A tutti i partecipanti verrà consegnata una copia del libro “I videoterminali negli ambienti di lavoro.” di A. Sacco, Edizioni FS.

Docenti

Angelo Sacco

Medico chirurgo, specialista in medicina del lavoro e medico autorizzato alla radioprotezione dei lavoratori, dal 1999 lavora come dirigente medico del lavoro nel Servizio Sanitario Nazionale. Ha conseguito il Master di II Livello in “Management e Innovazione nelle Aziende Sanitarie” presso l’Università degli Studi “Sapienza” di Roma. Già presidente della Sezione Territoriale Lazio della Società Italiana di Ergonomia. È docente di medicina del lavoro (MED/44) presso la Scuola di Specializza- zione in Medicina del Lavoro, nei Master Universitari e I e II Livello e nei Corsi di Laurea di Primo Livello dell’Università “Tor Vergata” di Roma. È docente di medicina del lavoro (MED/44) nei Corsi di Laurea di Primo Livello dell’Università “Sapienza” di Roma e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.

Laura Cornalba

Laureata in Fisioterapia nel 2004 presso l’Università Bicocca di Milano inizia fin da subito a lavorare nel campo ortopedico. Il suo lavoro è orientato a far comprendere alle persone tutte le potenzialità del proprio corpo. Le patologie causate da problematiche posturali sono in crescente diffusione e grazie anche alla metodica del Pilates, a cui si è avvicinata nel 2006, il suo intervento è orientato direttamente sul paziente portandolo a una percezione più consapevole di se stesso e fornendogli una serie di strategie di auto-correzione.